Preludio è medaglia d'oro a Vinoway Wine Selection 2021 "I Migliori Vini d'Italia"! Vai alla news

Il nostro primo vino nella storia dell’azienda, Preludio, è nato nel Collio, terra di vini bianchi tra i migliori al mondo, dove si danno appuntamento i venti buoni del mare Adriatico e delle Prealpi Giulie, nato dall’incontro tra un suolo ricco di minerali, composto da marne friabili e blocchi di arenaria risalenti a milioni di anni fa, vecchie vigne autoctone e il miglior enologo italiano dell’anno.

Preludio è stato messo in commercio dopo 8 mesi di invecchiamento in vasca d’acciaio con frequenti batonnage e 2 mesi di affinamento in bottiglia. Si tratta di un Collio Bianco Doc Collio di Tocai Friulano a 70% e di Malvasia Istriana al 30%. Ne sono state prodotte 4.500 bottiglie.

I vigneti di nostra proprietà da cui nasce il vino si trovano nel Collio, a Novali nella zona DOC di Cormons, a un altitudine di circa 80 metri slm, esposti a sud-est. La tipologia di terreno è la Ponca, e il sistema di allevamento è il Guyot. Le vigne hanno 25 anni, la loro densità è di 4000 viti a ettaro e la resa è di 50hl a ettaro. La vendemmia è stata fatta il 14 e il 16 settembre 2019 con raccolta manuale in cassette da 20 kg.

Il processo di vinificazione è iniziato con una pressatura soffice seguita da chiarifica statica in vasche di acciaio inox. La fermentazione è avvenuta in acciaio a temperatura controllata di 16 gradi per 20 giorni, senza malolattica. La solforosa è ai livelli – bassissimi – del disciplinare del vino biologico. Il grado alcolico è di 13,60%, l’acidità totale è di 5,60 g/l, gli zuccheri residui sono a 1,50 g/l, l’acidità volatile è di 0,27 g/l e il pH è 3,40.

Alla vista si presenta limpido, brillante di colore giallo intenso con qualche riflesso verde.
Al naso, l’intensità dei profumi è elevata, importante. Si riconoscono sentori tropicali e di percepiscono caratteristiche erbacee di fieno tagliato e di frutta bianca.
Al palato, il vino è secco caratterizzato da un equilibrio che rende il vino piacevole fin dal primo sorso. L’acidità presente ma non eccessiva, dà nervo e freschezza che, abbinata alla complessità e alla struttura del vino ne esalta le caratteristiche.

Preludio va servito a una temperatura compresa tra i 12° e i 14°. E’ ideale con gli antipasti e i primi di pesce, in particolare con i pesci grassi come salmone, anguilla e cernia, oltre che con le paste e i risotti a base di verdure. E’ ottimo con le carni bianche e con i formaggi stagionati. E’ principalmente un vino da pasto ma lo chef lo propone anche in aperitivo con pesci crudi, gamberi, scampi e ostriche in alternativa alle bollicine.

Raggiunge l’apice ascoltando musica cameristica e sinfonica del Romanticismo tedesco e in particolare il concerto per violino e orchestra di Mendelssohn, le tre sonate di Brahms per violino e pianoforte e il Preludio del Lohengrin di Wagner.

Venite a trovarci in azienda per degustarlo nel posto dove è originario!